Pulisco cose trovo capelli ovunque


Tra i piccoli, insulsi e trascurabili problemi e rogne quotidiani a cui ci si abitua pur continuando ad affrontarli malvolentieri, ce n’è uno che affligge noi donne e che può diventare drammatico. No, non è il ciclo. Non che il ciclo non lo sia, specie perché stravolge il nostro umore già instabile di default, ma stavolta parlo dei capelli lunghi. Quelli che neanche il mio cane perde così tanti peli. Quelli che si insinuano ovunque, che ostruiscono docce, che si incollano come una ventosa nei posti più impensabili, che scorrono serpentini su giacche e divani. Quelli che trovarli nel piatto è peggio che vedere uno scarafaggio o un topo. Posto che ho sviluppato nel corso della mia vita una corazza verso tutto ciò che potrebbe urtare occhi e stomaco e che il mio livello di raccapriccio visivo e/o tattile è ormai pari a zero, devo ammettere che nemmeno lo splatter mi fa salire la nausea e venire i brividi come i capelli sulla pezzetta bagnata o sullo straccio per i pavimenti. Posso gestire con nonchalance cose che voi umani non immaginate, ma il capello sullo straccio non l’affronto. È una sensazione strana quella che mi assale appena sfioro o vedo la pezza bagnata avviluppata da qualche capello. È come se mi sentissi una matassa di pelo nelle fauci, esattamente lo stesso fastidio del capello in bocca con l’aggravante che non è un solo capello bensì una palla di pelo. Abbiamo trasmesso “piccole casalinghe crescono (ma non cambiano mai)”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...