Appello


“Ascoltatemi, vi prego, ho poco tempo a mia disposizione. Ho sottratto il dispositivo a quella squilibrata a cui la sorte infausta mi ha affidata. So che potete leggermi perché ormai, contro la mia volontà, vengo sottoposta a continue torture fotografiche per essere poi data in pasto al pubblico ludibrio, e dunque ho imparato, mio malgrado, a capire come funziona quest’aggeggio. Ciò che state per leggere è un appello accorato, una supplica, una disperata ed urgente richiesta di aiuto. Fatelo girare, cercate di farlo arrivare all’Ente Nazionale Protezione Animali. Vi imploro umilmente dal basso dell’umiliazione a cui mi ha costretta. Colei con cui vivo è un soggetto altamente pericoloso. Sono vittima dei suoi continui soprusi, sua vittima preferita, una povera, indifesa e spaurita vittima pelosa. Ma la sopraffazione odierna non la posso accettare, devo ribellarmi a cotanto avvilente, mortificante, disonorevole e prevaricante gesto. Un atto ignobile e forzoso con cui mi ha prepotentemente obbligata ad indossare un improbabile maglioncino a sfondo natalizio senza tra l’altro manco sapere quale fosse il dritto e il rovescio. Adesso mi ha intimato di tenermelo addosso per perseverare nell’umiliazione della mia figura. Prendete severi provvedimenti, vi scongiuro. Denunciatela. Rinchiudetela. Salvatemi.

Eccola, sta arrivando! Vedo che punta le mie orecchie! Vuole usarle come antistress! Fate qualcosa! Presto!”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...