Il mostro dei biscotti

Non sapevo che oltre all’uomo nero esistessero altre creature leggendarie terrificanti. Sono sempre stata contraria all’utilizzo di personaggi mostruosi inventati per incutere timore ai bimbi. “Ninna nanna ninna oh, questo bimbo a chi lo do, lo darò all’Uomo Nero che lo tiene un anno intero”: cosa?!?! Il terrore insieme alla cantilena dovrebbero indurre il sonno??? Ma nient’affatto! Questa nenia, spacciata per una Ninna Nanna, altro non è che una precorritrice dell’ansia adulta, è un’iniziatrice alla percezione e alla formazione dell’ansia e per questo altamente sconsigliata. Non mette paura, che è emozione e reazione normale, ma ansia. Deleterio stato di compressione. Per il mostro dei biscotti farei invece un discorso diverso. Innanzitutto non è nero e, malgrado l’espressione inferocita, si capisce chiaramente che ha un animo buono. Uno che è composto di soli dolci non può essere amaro e cattivo. Questa creatura può apparire in fase di allucinazioni da intossicazione e indigestione dolciaria, oppure può essere ingaggiato per rincorrere i bimbi pigri nel lavare i dentini dicendo loro che il mostro dei dolci è in grado di produrre carie profonde come voragini che nessun dentista al mondo potrà mai curare. Un mostro fatto di biscotti non può mettere ansia, tutt’al più un po’ di paura, sempre che non si risolva e concluda tutto con una grassa risata a riprova che “ma quanno ce li freghi alle piccole canaglie❤️!”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...